Rosario Gallardo, professionisti del settore

Ciao, cari miei lettori, che mi leggete da anni, o decenni, o oggi per la prima volta.
Non ho scritto più tanto ultimamente perché mi sono rotta di essere sempre quella che scrive di corda in casa dell’impiccato. Vorrei scrivere per dare buone notizie, come chi scrive che il mondo sta finendo. Mi trovo a rimandare alle grandi occasioni, scrivo quando ci sono gli eventi da annunciare e le novità da segnalare.
Rosario Gallardo tutto esibizionismo e fastidio come se non ci fosse un domani, ha lasciato il passo a una nuova ambiziosa visione: Rosario Gallardo produzione di filmetti zozzi d’autore. Ho finalmente deciso che vivere del nostro piacere è la scelta più etica, ecologica e felice che io possa fare in ambito lavorativo. Voi vi arrapate, mi ricambiate in danaro, e io con la pancia piena, consapevole che il mondo mi vuole così e che questo “così” mi piace, continuo a farvi arrapare. E’ un circolo virtuoso.
L’auto-sostentamento inteso come una storia d’amore è quanto di più nobile ci si possa aspettare. Voi direte che nei film porno non ci si ama, ma qui vi sbagliate, perché il nostro porno è una storia d’amore e anche una discesa nei nostri inferi interiori, nelle mie budella.
La gente si fa le seghe coi i nostri esperimenti sessuali, con le nostre indagini interiori, con i miei rituali di rigenerazione psichica e spirituale.

scrofa party

Oggi Rosario Gallardo è membro lavoratore della comunità, ammetto che non ho mai pensato che ne avrei fatto un lavoro vero e proprio, anche se da anni faccio laboratori e progetti di ricerca sulla propria puttana interiore e sulla vendita di ciò che concerne la propria sessualità. Sono stata mamma, moglie, studentessa, lavoratrice (quasi) “convenzionale”, ma la pornografa l’ho sempre fatta per passione, come espressione di me e come azione storica con cui modificare, nel mio piccolo, il mondo.
Non ho una mentalità imprenditoriale rodata e consolidata, né uno spiccato senso per gli affari e tanto meno per il denaro, ma quando penso che pago la retta della scuola di mio figlio coi soldi che guadagno facendomi i selfie, mi sento davvero una strafiga.
Ma nemmeno è tutto rosa e fiori, gloria e onori, soldi e orgasmi questa novità… Anzi è stato complicato organizzare le idee, ma soprattutto le pippe mentali, i timori. Anche solo banalmente ragionare la produzione con ritmi, scadenze e intensità ragionate su una necessità commerciale è un mondo tutto nuovo per noi. Se avete manuali da consigliarmi questo è il momento!
Potrei fare qui tutta una lista su cosa mi lascia perplessa ma preferisco passare subito ai buoni propositi con cui vogliamo fondare la nostra impresa lavorativa.
La produzione cinematografica Rosario Gallardo è il nostro primo impegno.
La voglio etica, artigianale e sincera come sempre, in quanto: i film saranno funzionali al mio piacere e, quando accadrà viceversa, non mi piegherò a dei ritmi che mi rendano simile a una vacca da mungere, segregata in allevamento e fatta figliare a forza. Come la maggioranza della gente tratta se stessa e il proprio prossimo. Terrò sempre presente che godere a comando è sempre meglio che avere da fare qualunque altra cosa a comando. Io di lavoro godo e insegno a godere, in un modo o nell’altro. Il mio impatto ambientale è parecchio ridimensionato, anche solo per il fatto che il doppio passaggio “guadagno per poi spendere in qualcosa che mi faccia godere” si riduce a un unico sintetico passaggio in cui il mio dono è anche il mio premio. Il guadagno è una diretta conseguenza del mio benessere, in modo che non vi sia sacrificio. L’idea che chi gode di me mi da dia vivere rende il mio pubblico profondamente mio alleato. Inoltre essere obbligata al buon umore per far più latte mi porta a dare un taglio alle mie faraoniche depressioni. Del resto piacersi è il primo passo per mettere in moto questa grande macchina del consenso che sono gli affari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.